TAVOLA DE SON. ET DE
LE CANZ. DEL PETRARCHA.
AMOR, natura, ela bell'alma humile. a car.
5
Auenturoso piu d'altro terreno.
19
Aibella liberta, come tu m'hai
23
Amor, che nel pensier mio uiue e regna.
32
Amor & io si pien di merauiglia,
34
Amor m'ha posto, come segno a strale,
43
Amor che uedi ogni pensiero aperto,
54
Amor mi sprona in un tempo & affrena,
54
Amor fra l'herbe una leggiadra rete
55
Amor, che'ncende'l cor d'ardente zelo,
55
Anima, che diuerse cosetante
59
Amor con sue promesse lusingando
61
Amor, fortuna, e la mia mente schiua
63
Amor mi manda quel dolce pensiero,
71
Almo sol, quella fronde, ch'i sola amo,
72
Aspro core e seluaggia e cruda uoglia
81
Amor, io fallo, e euggio'I mio fallire,
87
Arbor uittoriosa triomphale,
90
Aura, che quelle chiome bionde e crespe
91
Alcader d'una Pianta, che si suelse,
108
Amor con la man destra il lato manco
108
Alma felice, che souente torni
114
Amor, che meco albuon tempo ti staui
117
Anima bella da quel nodo sciolta.
118
A pie de colli, oue la bella uesta
140
Apollo, s'anchor uiue il bel desio,
140
Amor piangeua, & io con lui tal uolta,
252
Anima doue sei? ch'adhora adhora
212
CANZ.
A qualunque animale alberga in terra,
11
Anzi tre di creata era alma in parte
79
A la dolc'ombra de le belle frondi
96
Amor, quando fiorina
106
Amor, fe uuo ch'i torni al giogo antico,
111
SON.
Benedetto fia'l giorno, e'l mese, e l'anno,
50
Ben sapeu'io, che natural consiglio
62
Beato in sogno, e di languir contento,
89
CANZ.
Ben mi credea passar mio tempo homai,
83
SON.
Cosi potess'io ben chiuder in uersi
23
Cesare, poi che'l traditor d'Egitto
24
Come tal'hor alcaldo tempo sole
32
Come'l candido pie per l'herba fresca
35
Che fai alma? che pefi? haurem mai pace?
43
Cercato ho sempre solitaria uita,
70
Cantai hor piango, e non men di dolcezza
89
Chi uuol ueder quantunque puo natura,
89
Che fai? che pensi? che pur dietro guardi
102
Come ua'l mondo, hor mi diletta e piace
115
Conobbi quanto'l ciel gliocchi m'aperse,
129
Cara la uita, e dopo lei mi pare
159
CANZ.
Chiare, fresche, e dolci acque
36
Chi è fermato di menar sua uita
46
Che debb'io far? che mi consigli amore
98
SON.
Dodici donne honestamente lasse,
35
Due rose fresche e colte in paradiso
58
Dolci irè dolci sdegni, e dolci paci,
59
Di di in di uo cangiando il uiso e'l pelo,
60
Del mar Thireno a la sinistra riua,
63
Dicesett'anni ha gia riuolto il cielo,
68
D'un bel chiaro polito e uiuo ghiaccio
81
Datemi pace o duri miei pensieri,
102
Discolorato hai morte il piu bel uolto
114
Deu grã nemiche insieme erano aggiûte
116
Dolce mio caro e pretioso pegno,
125
Deh qual pieta, qual angel fu si presto
125
Del cibo, onde'l signor mio femp abõda
124
Dicemi spesso il mio fidato speglio.
130
Donna, che lieta col principio nostro
130
Da piu begliocchi, e dal piu chiaro uiso,
130
Dolci durezze, e placide repulse
132
Deh porgi mano a l'affannato ingegno
132
De l'empia Babilonia, ond'e fuggita
142
CANZ.
Di pensier in pensier, di monte in monte
71
Di tempo in tempo mi si fa men dura
71
SON.
Era'i giorno ch'al sol fi scoloraro
1
Erano i capei d'oro a l'aura sparsi,
90
E questo'l nido, in che la mia Phenice
101
E mi par d'hor in hora udir il messo
131
SON.
Fresco, ombroso, fiorito, e uerde colle,
38
Fiera stella, se'l cielo ha forza in noi,
54
Fuggendo la prigione, ou'amor m'hebbe
62
Far potess'io uendetta dicolei,
81
Fu sorse un ten po dolce cosa amore,
104
Fianima dal ciel su le tue treccie pioua
143
Fontana di dolore, albergo d'ira,
143
SON.
Gia fiammeggiaua l'amorosa stella
6
Gia desiai con si giusta querela,
54
Giunto Alessandro a la famosa tomba
58
Gracie, ch'a pochi il ciel largo destina,
60
Giuto m'ha amor fra belle e crude braccia,
81
Gliocchi, di ch'io parlai si caldamente,
104
Gliangeli e lettie l'anime beate
130
Glorio sa colonna in cui s'appoggia
139
Geri, quando tal'hor meco s'adira
148
CANZ.
Giouene donna sott'un uerde lauro
12
Gentil mia donna iueggio
27
SON.
Hor che'l ciel e la terra e'l uento tace
66
Hor hai fatto l'estremo di tua possa,
99
CANZ.
Hor uedi amor, che giouenetta donna
8
SON.
I mi uiuea di mia sorte contento
5
Il figliuol di Latona hauea gia noue
7
Il moi auersario, in cui ueder solete
8
Io mi riuolgo in dietro a ciascun passo,
17
Io amai sempre, & amo forte anchora,
20
In mezo di duoi amanti honesta altera
21
Io son de l'aspettar homai si uinto,
24
Io haurò sempre in odio la fenestra,
25
Io son gia stanco di pensar si come
30
I begliocchi ond'io fui percosso in guisa,
31
Io temo si de begliocchi l'assalto,
31
Ire caldi sospirial freddo core,
43
I uidrin terra angelici costumi,
45
In qual parte del cielo, in qual idea
46
Io non fu d'amar uoi lassato unquanco
48
Io sentia dentro al cor gia uenir meno
49
Io canterei d'amor si nuouamente,
50
Io son si stanco sotto'l fascio antico
53
In nobil sangue uita humile e queta,
60
In quel bel uiso, ch'i sospiro e bramo.
64
Il cantar nuouo e'l pianger de gliuccelli.
73
I piansi, hor canro, che'l celeste lume
85
I ho pregato amore, e nel riprego,
87
In tale stella duo begliocchi uidi
90
I dolci colli, ou'io lasciai me stesso,
91
In dubbio di mio stato hor piãgo, hor cato.
92
Io pur ascolto, e non odo nouella
93
I ho pien di sospir quest'aer tutto,
103
I mi soglio accusare & hor mi scuso,
116
Io pensaua assai destro esser su l'ale,
113
I di miei piu leggier, che nessun ceruo
128
Ite rime dolenti al duro sasso,
123
I uo piangendo i miei passati tempi,
132
Il successor di Carlo, che la chioma
153
Il mal mi preme, e mi spauenta il peggio,
160
Ingegno ufato a le question profonde
202
Il bello occhio d'Apollo del cui sguardo.
212
In ira al cielo al mondo & a la gente.
213
CANZ.
In quella parte, dou'amor mi sprona
68
I uo pensando, e nel pensier m'assale;
93
Italia mia, ben che'l parlar fia indarno
130
SON.
L'oro, e le perle, e i fior uermigli, e bianchi,
9
Lasso quante fiate amor massale?
19
La donna che'l mio cor nel uiso porta,
20
Lieti fiori, e felici, e ben nate herbe,
34
Laura, che'l uerde lauro, e l'aureo crine
36
L'arbor gentil, che forte amai molti anni,
42
Le stelle e'l cielo, e gli elementi a proua
44
L'alto fignor, dinanzi a cui non uale
45
Lasso, che mal accorto fui da prima
49
Laura celeste, che'n quel uerde lauro
58
Laura foaue al sole spiega e uibra
58
Lasso, ch'i ardo, & altri non mel crede;
58
L'aspetto sacro de la terrauostra
62
Lasso ben so, che dolorose prede
62
Laura gentil, che rafferena i poggi
71
La sera desiare, odiar l'urora
73
L'aura serena, che fra uerdi fronde
73
Liete e pensose, accompagnate e sole
74
Laffo, amor mitrasporta, ou'io no uoglio.
87
L'ultimo lasso de miei giorni allegri,
100
La uita fugge, e non s'arresta un'hora,
102
L'ardente nodo, ou'io fui d'hora in hora
113
L'alma mia siamma oltra le belle bella
115
Leuommi il mio pensiero in parte, ou'era
117
Laura, e l'odore, e'l refrigerio, e l'ombra
118
L'alto e nuouo miracol, ch'a di nostri
118
L'aura mia sacra al mio stanco riposo
120
Lasciato hai morte senza sole il mondo
128
La gola e'l sonno, e l'ociose piume
140
L'auara Babilonia ha colmo il sacco
142
L'aspettata uirtu, che'n uoi fioriua
148
La bella donna, che cotanto amaui
155
La guancia, che fu gia piangendo stanca
158
Lasso com'io fui mal approueduto
203
CANZ.
Lassar il uelo, o per sole, o per ombra
7
L'aere grauato, e l'importuna nebbia
22
Lauer l'aurora, che si dolcel'aura
85
Lasso me, ch'i non so in qual parte pieghi
87
SON.
Ma poi, che'l dolce riso humile e piano
7
Mille fiate o dolce mia guerriera,
8
Mille piaggie in'un giorno e mille riui
17
Mouesi'l uecchiarel canuto e bianco
19
Mia uentura & amor m'hauean si adorno
38
Mira quel colle o ftanco mio cor uago,
38
Mie uenture aluenir son tarde e pigre,
51
Mirando'l sol de begliocchi sereno,
52
Mente mia, che presaga de tuoi danni
105
Mai non fui in parte, oue sichiar uedessi
114
Mentre che'l cor da gli amorosi eurmi
117
Morte ha spento quel suol, che abbagliar suolmi.
132
Mai non eudrannno le mie luci asciutte.
149
CANZ.
Mia benigna fortuna, e'l uiuer lieto,
120
Mia non uo piu cantar, com'io soleua,
143
SON.
Non da l'Hispano Hibero a l'Ido Hidas.
24
Non d'atra e tempestosa onda marina
31
Non Tesin, Po, Varo, Arno, Adige, e Tebro,
35
Non pur quell'una bella ignuda mano,
38
Non fur mai Gioue e Cesare si mossi
44
Non euggio, oue scampar mi possa homai,
64
Ne cosi bello il sol giamai leuarsi,
90
Ne per sereno ciel ir uaghe stelle,
105
Ne l'eta sua piu bella e piu siorita,
113
Ne mai pietosa madre al caro figlio,
155
Non puo far morte il dolce uiso amaro,
138
CANZ.
Ne la ftagion, che'l ciel rapido inchina
41
Nuoua angeletta sopra l'ale accorta
55
Non ha tanti animaliil mar fra l'onde,
74
Nel dolce tempo de la prima etade,
75
Non al suo amante piu Diana piacque,
159
Nel cor pien d'amarissima dolcezza.
208
Noua bellezza in habito gentile.
211
SON.
Orso, e non furon mai fiumi ne stagni,
8
Occhi piangete, accompagnate il core,
10
Onde tolse amor l'oro, e di qual uena,
36
O bella man,che mi distruggi il core,
38
O d'ardente uirtute ornata e calda
44
Oue ch'i posi gliocchi lassi, o giri
45
O passi sparsi, o pensier uaghi e pronti,
53
O docli sguardi, o parolette accorte,
65
O cameretta, che gia fosti un porto
81
O inuidia nemica di uirtinte,
82
O misera & horribil uisione
92
Oime il bel uiso, oime il soaue sguardo,
98
O giorno, o hora, o ultimo momento
100
Ou'e la fronte, che con picciol cenno
101
Occhi miei oscurato e'l nostro sole,
102
O tempo, o ciel uolubil, che fuggendo
123
Ogni giorno mi par piu de mill'anni,
131
Orso, al uostro destrier si puo ben porre
148
O nouella Tarpea in cui s'asconde
212
CANZ.
Occhi miei lassi, mentre ch'io uigiro
17
O aspettata in ciel beata e bella.
15
SON.
Per far una leggiadra sua uendetta,
2
Piouommi amare lagrime dal uiso,
4
Per mirar Policleto a proua fiso
15
Poi, che'l camin m'ê chiuso di mercede,
16
Per mezo i boschi inhospiti e seluaggi,
16
Perseguendomi amor al luogo usato
20
Pien di quella ineffabile dolzezza,
21
Pace non trouo, e non ho da far guerra,
23
Poco era ad appressarsi a gliocchi miei
32
Padre del ciel dopo i perduti giorni
46
Perch'io t'habbia guardato di menzogna
52
Pasco la mento d'un si uobil cibo,
57
Poi, che mia speme ê lunga a uenir troppo,
61
Pommi oue'l sol occide i fiori, e l'herba,
63
Passer mai solitario in alcun tetto
65
Pien d'un uago pensier, che mi desuia
72
Piu uolte gia del bel sembiante humano
72
Parra forse ad alcun, che'n lodar quella,
90
Po ben puo tu portartene la scorza
91
Passa la naue mia colma d'oblio
93
Poi che la uista angelica serena
102
Passato ê'l tempo homai lasso, che tanto
105
Piu uolte amor m'haueagia detto scriui,
148
Piu di me lieta non si uede a terra
153
Piangete donne, e con uoi pianga amore,
155
Poi, che uoi & io piu uolte habbiam proua.
158
CANZ.
Perche quel, che mi traffe ad amar prima
7
Perche la uita ê breue,
25
Poi, cheper mio destino
29
Perch'aluiso d'amor portaua insegna
47
SON.
Quel, che infinita prouidentia & arte
2
Quand'io muouo i fospiri a chiamar uoi,
3
Quando'l pianeta, che distingue l'hore
3
Quand'io son tutto uolto in quella parte,
5
Quest'anima gentil, che si diparte
5
Quando dal proprio sito si rimoue
6
Quel, che'n Thessaglia hebbe le man sipronte
9
Quando giunse a Simon l'alto concetto,
15
Qui doue mezzo son Sennuccio mio
19
Quando'l uoler, che cõ duo sproni ardenti
32
Qual uen ura mifu, quando da l'uno
39
Quado amor i begliocchi a terira inchina,
42
Quel sempre acerbo & honorato giorno
45
Questa humil fiera, un cor di tigre, o d'or.
35
Questa Phenice de l'aurata piuma
56
Quand'io u'odo parlar sidolcemente,
59
Quanto piu m'auicino al giorno estremo.
60
Quando miuien inanzi il tempo e'l loco,
63
Qulla fenestra,oue l'un sol si uede
65
Quando'l Sol bagna in mar l'aurato carro,
74
Qual mio destin, qual forza, o quali nganno
86
Qual donna attende a gloriosa fama
89
Quando fra l'altre donne ad hora ad hora
89
Qual uago impallidir, che'l dolce riso
91
Qual paura ho,quando mi torna a mente
92
Quel uago dolce caro honesto sguardo
100
Quanta inuidia ti porto auara terra,
101
Quel sol, che mi mostraua il camin destro
104
Quel rossignuol, che si soaue piagne
104
Quante fiate al mio dolce ricetto
114
Quãd'io ueggio dal ciel scender l'aurora
111
Quãd'io mi uolgo in dietro a mirar gliãni,
117
Quella per cui con Sorga ho cangrat'Arno.
118
Questo nostro caduco e fragil bene,
122
Quel, che d'odore e di color uincea
129
Quanto piu desiose l'alispando
141
Quando giunge p gliocchi al cor profon.
149
Quelle pietose rime, in ch'io m'accorsi
158
Quella ghirlanda, che la bella fronte.
213
Quella, che'l giouenil mio cor auinse
213
CANZ.
Qual piu diuersa e nuoua
39
Quel foco ch'io pensai, che fosse spento
48
Quando'l soaue mio fido conforto,
222
Quel antico mio dolce empio signore
226
Quel, c'ha nostra natura in se piu degno
210
SON.
Real natura, angelico intelletto,
15
Rapido fiume, che d'alpestra uena
16
Rimansi adietro il festo decim'anno
65
Rotta e l'alta colonna, e'luer de lauro,
99
Ripefando a quel, c'hoggi il cielo honora.
124
SON.
Se la mia uita da l'aspro tormento
4
Son animali al mondo di si altiera.
4
Se uoi poteste perturbati segni,
8
S'io credessi per morte essere scarco
10
Solo e pensoso i piu deserti campi
10
Si trauiato e'l folle mio desio,
11
Se'l dolce sguardo di costei m'ancide,
28
Sennucio, i uo, che sappi in qual maniera
21
Se'l sasso, onde'e piu chiusa questa ualle,
21
S'amor nó é, che dunque ê quel ch'i sento?
22
Si tosto, com'auien, che l'arco scocchi
24
Se bianche non son prima ambe le tempie,
48
Se col cieco desir che'lcor distrugge,
51
Se mai foco per foco non si spense,
51
Stiamo Amor a ueder la gloria nostra,
56
Si com'eterna uita è ueder Dio,
57
Se Virgilio & Homero hauessin uisto
57
S'al principio risponde il fine e'l mezo
61
Signor mio caro ogni pensier mi tira
71
S'una fede amorosa, un cor non finto,
89
Solea lontana in sonno cosolarme
92
Seleasi nel mio cor star bella euiua,
100
Sento l'aura mia antica e i dolci colli
101
S'amor nuouo consiglio non m'apporta,
99
S'io hauessi pensato, che si care
104
Se lamentar uccelli, o uerdi fronde
113
Sibreue ê ltempo, e'l pensier fi ueloce,
114
Se quell'aui a soaue de sospiri,
115
Soleano i miei pensier souaemente
116
S'honesto amor puo meritar mercede
123
Spince amor e dolore, ou'ir non debbe..
130
Spirto felice, che si dolcemente
131
Se l'honorata fronde, che prescriue
141
Sio fossi stato fermo a la spelunca
142
S'amor, o morte non da qualche stroppio
155
Sennuccio mio, benche doglioso e solo
160
Se Phebo al primo amor non ê bugiardo
212
Stato fuss'io quando la uidi prima
113
Se sotto legge Amor uiuesse quella.
113
CANZ.
Se'l pensier, che mi strugge,
33
Si ê debile il filo, a cui s'attiene
66
S'il dissi mai, chi ueoga in odio a quella
82
Standomi un giorno solo a la fenestra,
106
Solea da la fontana dimia uita
119
Spirro gentil, che quelle membra reggi.
150
SON.
Tutto'l di piango, e poi la notte quando
53
Tra quantunque leggiadre donne e belle
60
Tutta la mia fiorita e uerde etade
105
Tèpo era homai da trouar pace, o tregua
106
Tranquillo porto hauea mostrato amore
106
Tornami a mente, anzi u'ê dentro quella
122
Tennemi amor anni uent'uno ardendo
132
CANZ.
Tacer non posso, e temo non adopre
109
SON.
Voich'ascoltate in rime sparse il suono
2
Vergognando tal'hor, ch'anchor si taccia
3
Viue fauille uscian de duo bei lumi
64
Voglia mi sprona, amor mi guida, e scorge,
86
Valle, che de leamenti miei sei piena,
101
Vna candida cerua sopra l'herba
119
Vidi fra mille donne una gia tale,
121
Vago uccelletto, che cantando uai,
129
Volo con l'ali de pensieri al cielo
131
Vinse Hannibale e non seppe usar poi
147
Vincitor Alessandro l'ira uinse,
159
CANZ.
Verdi panni, sanguigni, oscuri, o persi
13
Volgendo gliocchi al mio nuouo colore,
50
Vergine bella, che di sol uestita,
133
Vna donna pui bella assai che'l sole,
156
SON.
Zephiro torna, e'l bel tempo rimena,
104
IL FINE DE LA TAVOLA.